Truffe online? Qualche consiglio su come proteggersi

Sicurezza online, come evitare le truffe: qualche consiglio utile. Occhio ai metodi di pagamento, alle truffe su eBay ed Amazon e ai siti fantasma.

Se acquisti online,  non lasciare al caso o alla fortuna la sicurezza. Ti consigliamo qualche accorgimento da mettere in pratica, in primis utilizzare AntiVirus e dispositivi di filtraggio per proteggere il pc da eventuali “virus informatici” provenienti da siti, email, CD masterizzati, dispositivi di archiviazione. Anzi, non dimenticare mai di aggiornare il sistema operativo con le “patch” che incrementano, tra l’altro, la sicurezza dei programmi (sanano le cosiddette “vulnerabilità” dei programmi).

Diffida – quasi sempre – dalle richieste via e-mail o tramite messaggio. Se sei cliente di un conto corrente online, nessuna banca ti chiederà la password, né di risolvere inesistenti problemi di sicurezza via e-mail: è consigliabile, perciò, chiamare il Servizio Clienti della banca o dell’istituto finanziario per chiedere informazioni sul messaggio ricevuto.
Se, per errore hai cliccato sul link presente nella email o nel messaggio, verifica che l’url della pagina sia quello corretto e ufficiale o che sia sicuro, ovvero in https. Oppure, se ti trovi di fronte un form di login, per verificare l’autenticità della pagina, inserisci username e password a caso: se i valori sono corretti oppure il sito momentaneamente non funziona, chiudi senza indugio.

Una nota opportuna è necessaria scriverla sui marketplaces, eBay e Amazon, su cui potrebbe anche accadere di incappare in qualche venditore truffaldino. Prima di acquistare:

1. guarda con attenzione le foto e leggi con altrettanta attenzione la descrizione dell’oggetto;
2. se hai dei dubbi, contatta il venditore;
3. consulta le informazioni sul venditore e, se ti trovi di fronte a uno store, leggi le recensioni degli utenti;
4. valuta il prezzo dell’oggetto, confrontandolo con altri venditore: se è troppo basso, potrebbe trattarsi di una truffa;
5. controlla le forme di pagamento accettate dal venditore nella sezione “Metodi di pagamento accettati” (i pagamenti devono essere sempre tracciati, per poter denunciare il venditore in caso di truffa): sono sicuri metodi come PayPal, bonifico bancario o postale, vaglia postale, assegno bancario o contrassegno.

Occhio ai siti fantasma. Creare un sito web con dati falsi, è davvero semplice: in effetti, sono chiamati “fantasma” perché dopo aver acquistato i prodotti e pagato con carta di credito, nonostante l’addebito, i prodotti ordinati non arrivano e il negozio dopo qualche giorno sparisce. Di solito, questi siti
Per evitare di cadere vittime di questa trappola, verifica:

1. la presenza della Partita IVA e dei riferimenti aziendali, quali numero di telefono e indirizzo fisico, per contattare l’azienda;
2. le modalità di pagamento consentite;
3. la presenza di condizioni di vendita;
4. le recensioni nel web (ad esempio, su Ciao.it, inserendo il nome del negozio nella voce “Ricerca Prodotti”, potrai leggere commenti e feedback).

Per stare tranquillo, potresti anche fare acquisti con una carta prepagata, che svolge la stessa funzione di una carta di credito (una ricaricabile “usa e getta”, molto simile alle ormai desuete schede telefoniche). È molto semplice: quando vuoi fare un acquisto online, ricarica la carta della somma necessaria così, se qualcuno dovesse rubare il numero della carta di credito, troverebbe solo pochi spiccioli e non avrebbe modo di raggiungere il conto in banca

Condividi e commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pippo