Modalità di pagamento: come evitare di correre rischi

Come pagare in sicurezza quando acquisti online: indicazioni su PayPal, carta di credito e metodi tradizionali. Consigli per acquistare in sicurezza online

È la paura delle truffe online e la scarsa diffusione dell’uso della carta di credito e di PayPal a frenare lo sviluppo completo dello shopping online in Italia. Eppure, grazie a qualche accorgimento, utilizzando i più comuni sistemi di pagamento online (es. PayPal e carta di credito), i conti in banca dei vari utenti sono in una botte di ferro.

Partiamo dal sistema PayPal, azienda di proprietà di eBay, caratterizzato da un funzionamento molto simile a quello di un normale conto corrente (aperto un account, è possibile inviare e ricevere denaro, effettuare bonifici e acquistare online). Senza dubbio, uno dei suoi punti di forza è la sicurezza, la Garanzia Cliente: se la merce acquistata non dovesse arrivare o per qualche motivo si dovesse ricevere un prodotto differente da quello acquistato, PayPal rimborsa totalmente il prezzo pagato (aprendo una contestazione entro 45 giorni dalla data d’acquisto).
Oltre alla rapidità e praticità (il pagamento è immediatamente registrato e la merce può subito essere inviata), PayPal sta offrendo la possibilità di richiedere una carta di credito ricaricabile da utilizzare per lo shopping, con bassi costi di gestione. A questo, bisogna aggiungere il servizio “PayPal Here” con cui è possibile pagare attraverso uno smartphone Android o iOS collegato ad uno speciale hardware in grado di leggere la carte di credito.

La carta di credito (es. Visa e Mastercard), il metodo di pagamento online tra i più utilizzati in Italia, offre praticità (è sufficiente inserire il numero della carta e qualche volta pochi altri dati), rapidità (pagamento immediatamente registrato e merce subito pronta per l’invio) e sicurezza allo stesso tempo. Sicurezza perché, nel tempo, le banche hanno rafforzato i loro sistemi di sicurezza, garantendo a chi paga un maggiore livello di protezione da frodi e sottrazione di dati.

Sono anche disponibili particolari tipologie di carte di credito per gli acquisti online, come carte di credito ricaricabili (PostePay) o carte di credito virtuali fornite dalle banche per una sola transazione e con somme di denaro limitate da usare per gli acquisti sicuri.

Non sono da escludere i metodi tradizionali, pur sempre sicuri (nessun dato bancario è inviato online), ma che richiedono maggiore attesa perché il venditore dovrà verificare l’avvenuto accredito (di solito 1/2 giorni): bonifico bancario o bollettino postale. Si aggiunge anche il contrassegno, che comunque impone costi accessori aggiuntivi.

Un consiglio su ogni tipo di scelta per potresti fare per il pagamento della merce ordinata: scegli con accuratezza il negozio online. Se i marketplace, come eBay e Amazon, sono sempre sicuri (almeno per la tracciabilità dei dati bancari e personali), i web site di ecommerce potrebbero anche non esserlo. Ecco qualche indicazione da seguire prima di acquistare su un sito di ecommerce.

– Informarsi sull’affidabilità di un rivenditore.
– Leggere le condizioni generali di contratto.
– Il sito dovrebbe presentare, in modo chiaro e trasparente, tutti i dettagli del negozio (forme di pagamento, recesso, contatti….).
– Le transazioni devono avvenire su connessione protetta (https).
– Verificare con attenzione la descrizione di un prodotto.
– Attenzione alle offerte troppo generose e ai pagamenti anticipati.
– Stampare e conservare con cura la documentazione dell’acquisto.
– Dare preferenza ai portali di shopping online certificati.
– Avere sul pc un antivirus aggiornato ed un firewall che possano bloccare eventuali furti di informazioni.
– Non usare mai la carta di credito per eseguire acquisti su siti poco sicuri.

Condividi e commenta con Facebook

Un commento su questo post

  • Condivido quanto scritto in questo post, soprattutto la paura e la sfiducia di chi acquista online. Molti utenti, per esperienza, non hanno Paypal, altri credono che i dati immessi saranno rubati, altri non sanno nemmeno come pagare. Stiamo messi davvero male, per fortuna qualcosa in Italia si sta muovendo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pippo