Controversie per un acquisto online? Puoi provare la ADR

Alternative Dispute Resolution (Risoluzione Alternativa delle Controversie): una nuova formula per dirimere le controversie per l’acquisto di beni e servizi online

Quante controversie hai aperto per un acquisto o un servizio online? E quante sono state risolte positivamente e in modo giusto? Ecco una soluzione alternativa: l’Alternative Dispute Resolution (Risoluzione Alternativa delle Controversie). Si tratta di una procedura che si attiva per risolvere le controversie tra consumatori e imprese su contratti di vendita di beni e servizi: una veloce ed efficace soluzione dei conflitti di consumo e nello snellimento del carico giudiziario dal momento che si procede per vie “alternative” senza ricorrere al giudice. Inoltre, si evita che i consumatori, scoraggiati dai costi e dalla durata del procedimento giudiziario, rinuncino alla tutela dei propri diritti.

Consumatori e imprese hanno così l’opportunità di risolvere eventuali controversie nazionali o transfrontaliere riguardo a contratti di vendita o prestazioni di servizi attraverso un reclamo (una procedura ADR) presso un organismo ADR sull’operato del quale vigila un’autorità competente.

PECULIARITA’ DELL’ADR 

Ecco le caratteristiche principali della procedura:

1.  volontarietà: la procedura è esperibile su esclusiva istanza del consumatore (il professionista, invece, non è legittimato attivo);
2. gratuità o pagamento di un costo minimo a copertura delle spese sostenute dall’ente;
3. celerità: la procedura di risoluzione della controversia ha una durata massima di 90 giorni dal ricevimento, da parte dell’organismo ADR, del fascicolo completo di tutta la documentazione richiesta da tale ente;
4. alternatività: la procedura in analisi si pone come semplice alternativa alle procedure previste da altre disposizioni di legge che prevedono meccanismi obbligatori di risoluzione stragiudiziale delle controversie, quali, a titolo esemplificativo e non esaustivo, il D.Lgs. n. 28/2010 in materia di mediazione per la risoluzione delle controversie civili e commerciali; la Legge n. 249/1997, che disciplina un tentativo obbligatorio di conciliazione per il settore delle comunicazioni elettroniche; la Legge n. 481/1995 in cui è previsto un meccanismo di conciliazione nelle materie di competenza dell’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico.

Per poter accedere alla procedura ADR, ti consigliamo ti visitare il portale ufficiale dell’ADR (visita).

Condividi e commenta con Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

pippo